Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

18 marzo 2020: Informativa URGENTE per i connazionali. AGGIORNAMENTO

Data:

18/03/2020


18 marzo 2020: Informativa URGENTE per i connazionali. AGGIORNAMENTO

DA IERI SERA VI SONO DUE CASI CONFERMATI di COVID-19 in Montenegro.

Nel raccomandare LA PUNTUALE OSSERVANZA delle misure straordinarie previste da queste Autorità e di quella già diffuse di prevenzione sanitaria, si circolano in italiano i nuovi provvedimenti presi che integrano i precedenti, in base a quanto annunciato ieri
sera da questo Governo:

NUOVE MISURE PRESE:

Il Ministero della Salute, a seguito di una sessione dell'Ente nazionale di coordinamento per le malattie infettive, ha adottato una nuova serie di misure temporanee per proteggere i cittadini dalla diffusione del coronavirus, formulando anche ulteriori raccomandazioni all'amministrazione statale, all'economia e ai media. Le misure temporanee elencate di seguito hanno l’obiettivo di prevenire la diffusione di malattie infettive nel paese, sopprimere e impedire la trasmissione in altri paesi, nonché proteggere la popolazione dal nuovo coronavirus:

1) Sospensione del trasporto pubblico interurbano, suburbano e urbano di autobus e furgoni;

2) sospensione del trasporto ferroviario interno;

3) Chiusura degli sportelli presso le unità regionali che fanno capo al Ministero dell'Interno e alla Direzione degli Immobili;

4) Obbligo per gli enti statali, gli organi dell'amministrazione statale, gli enti locali, i Comuni e le persone giuridiche che esercitano autorità pubblica e servizi pubblici di consegnare alle parti tutte le comunicazioni relative a procedimenti in corso per posta;

5) Divieto di utilizzare strutture sportive e ricreative all’aperto e al chiuso e piscine;

6) Obbligo di quarantena per coloro che sono stati o su cui pesa il sospetto che possano essere stati in contatto con persone affetta da coronavirus o con persone su cui pesa il sospetto che siano affette dalla malattia, nonché persone che hanno visitato paesi ad alto rischio di trasmissione del virus. Le persone a contatto con i pazienti affetti da coronavirus devono essere isolate nel luogo della quarantena;

7) Monitoraggio continuo delle condizioni di autoisolamento delle persone che hanno visitato paesi ad alto, moderato e basso rischio di trasmissione e che non sono arrivate mediante trasporti organizzati, rigoroso rispetto di questa misura e controllo da parte delle autorità competenti, che sono tenute a presentare denunce penali qualora il provvedimento non venga rispettato ai sensi della legge;

8) Sospensione dell'attraversamento dei valichi di frontiera Sitnica - Zupci sulla strada per Herceg Novi - Trebinje, Meteljka - Metaljka sulla strada per Pljevlja - Čajniče, Čemerno sulla strada per Pljevlja - Priboj;

9) Chiusura di parrucchieri e saloni di bellezza.

Si sottolinea che l'inosservanza delle misure è soggetta a responsabilità penale, ai sensi degli artt. 287 e 302 del codice penale del Montenegro.

Per prevenire la diffusione e la trasmissione del corona virus e per tutelare i cittadini, il Ministero della Salute raccomanda:

1) massima astensione dall'uso degli spazi pubblici, nel rispetto del regime di distanza sociale, distanza di almeno due metri, con l'obbligo da parte dei responsabili dei servizi di tutti i Comuni e della Capitale di controllare tale regime, ad eccezione degli adempimenti legati ai consueti obblighi lavorativi;

2) È necessario un rigoroso rispetto delle misure igieniche, in particolare dell'igiene personale e delle mani;

3) Tutte le istituzioni statali e le istituzioni di governo locale, nonché gli enti economici il cui ambito di lavoro è in qualche modo
correlato alle attività di prevenzione della diffusione del coronavirus, devono cooperare strettamente con l'Ente nazionale di coordinamento nelle comunicazioni con il pubblico al fine di ridurre al minimo la possibilità di inviare messaggi diversi e informazioni che possono confondere l’opinione pubblica. Ci si attende una collaborazione particolare in questo settore da parte di catene di vendita al dettaglio, società di trasporto, negozi all'ingrosso e farmacie. I media hanno l’obbligo di richiedere all'Ente nazionale di coordinamento tutte le informazioni circa le attività relative alla prevenzione del virus e di presentare i testi all'Ente nazionale di coordinamento prima della loro pubblicazione.

4) Obbligo di rinviare i matrimoni;

5) Ai funerali possono presenziare solo i membri più stretti della famiglia;

6) I centri commerciali devono riservare le prime due ore lavorative all'acquisto di beni da parte di anziani e persone con disabilità.


336