Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

AVVISO PER I CONNAZIONALI - 20 luglio - Nuove misure adottate dal Comitato Nazionale di Coordinamento per la gestione delle malattie infettive ed evoluzione dei contagi.

Data:

20/07/2020


AVVISO PER I CONNAZIONALI - 20 luglio - Nuove misure adottate dal Comitato Nazionale di Coordinamento per la gestione delle malattie infettive ed evoluzione dei contagi.

Nella serata del 19 luglio il Comitato Nazionale di Coordinamento per la gestione delle malattie infettive ha introdotto nuove misure nei comuni di Cetinje e Nikšic, che saranno in vigore per 7 giorni, eventualmente rinnovabili.

Le misure sono le stesse già adottate lo scorso 16 luglio per la capitale Podgorica (si veda l’informativa pubblicata il 17 luglio u.s.)

Si segnalano in particolare:

- L’obbligo di indossare le mascherine sia nei luoghi chiusi che nelle aree all’aperto;

- Il limite di 40 persone per i raduni all’aperto e di 20 persone per quelli in luoghi chiusi, a condizione che le persone indossino le mascherine e che sia rispettata una distanza di almeno due metri.

- Per quanto riguarda attività quali bar e ristoranti, il limite di 2 persone allo stesso tavolo nelle aree al coperto e di 4 persone nelle aree all’aperto.

 

EVOLUZIONE DEI CONTAGI

Secondo l’ultimo bollettino diramato nella serata del 19 luglio, in Montenegro vi sono al momento 1771 casi attivi.

Dall’inizio della cosiddetta “seconda ondata”, nel Paese si sono registrate 23 vittime.

I casi attivi sono distribuiti come segue: Podgorica 692, Rožaje 237, Bijelo Polje 172, Nikšić 117, Berane 87, Budva 72, Kotor 68, Bar 66, Pljevlja 64, Cetinje 62, Herceg Novi 41, Tivat 35, Ulcinj 17, Gusinje 17, Petnjica 11, Danilovgrad 7, Tuzi 2, Žabljak 2, Andrijevica 1, Kolašin 1.

 

Si torna a raccomandare a tutti i connazionali il rispetto rigoroso delle misure introdotte da questo Governo, in particolare circa l’uso delle mascherine, oltre al rispetto di tutte le misure precauzionali già in precedenza indicate da questa Ambasciata (lavaggio frequente delle mani, evitare di stringere le mani, distanziamento sociale, ecc.).


386