Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Spostamenti da e per l'Italia: comunicazione per i connazionali

Data:

21/07/2021


Spostamenti da e per l'Italia: comunicazione per i connazionali

SPOSTAMENTI DA E PER L'ITALIA

COMUNICAZIONE PER I CONNAZIONALI

Nel ribadire che, secondo la normativa italiana vigente (consultare il sito www.esteri.it per ogni aggiornamento) ad oggi non
sono consentiti spostamenti da e per i Paesi in lista E (tra essi ancora il Montenegro), salvo specifiche eccezioni (per es. lavoro,
studio) che non comprendono il turismo, si invita in ogni caso a rileggere le raccomandazioni di cui al comunicato della Farnesina del 14 luglio u.s.

“Da gennaio 2020, perdura in tutto il mondo l’emergenza sanitaria causata da COVID-19. Tutti coloro che intendano
recarsi all’estero, indipendentemente dalla destinazione e dalle motivazioni del viaggio, devono considerare che qualsiasi spostamento, in questo periodo, può comportare un rischio di carattere sanitario.

In particolare, nel caso in cui sia necessario sottoporsi a test molecolare o antigenico per l’ingresso in Italia o per il rientro nel nostro Paese da una destinazione estera, si rammenta che i viaggiatori devono prendere in considerazione la possibilità che
il test dia un risultato positivo. In questo caso, non è possibile viaggiare con mezzi commerciali e si è soggetti alle procedure di quarantena e contenimento previste dal Paese in cui ci si trova.

Tali procedure interessano, con alcune possibili differenze dovute alle diverse normative locali, anche i cosiddetti “contatti” con il soggetto positivo, che sono ugualmente sottoposti a quarantena/isolamento dalle autorità locali del Paese in cui ci si trova e
che, a tutela della salute pubblica, potranno far rientro in Italia al termine del periodo di isolamento previsto.

Si raccomanda, pertanto, di pianificare con massima attenzione ogni aspetto del viaggio, contemplando anche
la possibilità di dover trascorrere un periodo aggiuntivo all’estero, nonché di dotarsi di un’assicurazione sanitaria che copra anche i rischi connessi a COVID-19.”


Tags:

Turismo

448