Ovaj sajt koristi cookies za bolje korisničko iskustvo. Nastavljajući navigaciju, pristajete na korišćenje cookies. OK

URGENTE - INFORMATIVA AI CONNAZIONALI - NUOVE MISURE IN VIGORE DAL 22 DICEMBRE 2020 ALL’11 GENNAIO 2020

Datum:

22/12/2020


URGENTE - INFORMATIVA AI CONNAZIONALI - NUOVE MISURE IN VIGORE DAL 22 DICEMBRE 2020 ALL’11 GENNAIO 2020

URGENTE – INFORMATIVA AI CONNAZIONALI

NUOVE MISURE IN VIGORE DAL 22 DICEMBRE 2020 ALL’11 GENNAIO 2020

 

Si informano i connazionali che il Ministero della Salute del Montenegro ha adottato nuove misure per la prevenzione e il contrasto alla diffusione della pandemia, in vigore da oggi, 22 dicembre 2020, all’11 gennaio 2021.

Viene ribadito l’obbligo di indossare correttamente la mascherina (che deve coprire la bocca e il naso) e l’obbligo di tenere una distanza fisica di 2m, sia nei luoghi al chiuso che all’aperto, tranne che per i membri dello stesso nucleo familiare.

Di seguito si riportano le misure di maggiore rilevanza.

 

MISURE PER L'INGRESSO IN MONTENEGRO

Ingresso in Montenegro - cittadini e stranieri residenti in Montenegro

L'ingresso in Montenegro è possibile per ogni cittadino del Montenegro e per lo straniero con residenza permanente o temporanea in Montenegro:

- con un risultato negativo di un test PCR (SARS-CoV-2) non più vecchio di 72 ore, o

- con un risultato positivo degli anticorpi (SARS-CoV-2) di classe IgG o

- con un risultato negativo del test sierologico degli anticorpi di classe IgM ottenuto con un test ELISA, non più vecchio di 72 ore.

Nel caso in cui non vengano rispettate le condizioni di cui sopra, all'ingresso in Montenegro viene disposto un periodo di quarantena (autoisolamento) di 14 giorni. Eccezionalmente, il sesto giorno della quarantena (autoisolamento) è possibile effettuare un test PCR e, in caso di esito negativo, interrompere l’autoisolamento.

Se un cittadino del Montenegro o uno straniero con residenza permanente o temporanea in Montenegro ha soggiornato fuori dal Montenegro per un massimo di 48 ore, può fare ritorno senza obbligo di test; al ritorno in Montenegro, tuttavia, gli viene prescritta una misura di sorveglianza sanitaria che implica la libera circolazione, ma anche un monitoraggio quotidiano dei sintomi e la segnalazione al medico competente delle sue condizioni di salute fino alla scadenza del Decreto emesso dall'Ispettorato Sanitario al rientro.

 

Ingresso in Montenegro - stranieri (queste misure entrano eccezionalmente in vigore il 25 dicembre 2020).

L'ingresso in Montenegro ad ogni cittadino straniero è consentito alle seguenti condizioni:

- con un risultato negativo di un test PCR (SARS-CoV-2) non più vecchio di 72 ore.

 

ECCEZIONI

Conformemente alle raccomandazioni della Commissione Europea, vengono esentate alcune categorie di persone essenziali per il normale svolgimento dei servizi vitali, e le persone che raffigurano un chiaro interesse economico. L’Istituto per la sanità pubblica prescrive le condizioni particolari di ingresso e di circolazione in Montenegro per le seguenti categorie:

- Operatori medici, ricercatori medici e scienziati;

- Operatori che assicurano il trasporto di persone e merci;

- Diplomatici accreditati in Montenegro, personale delle organizzazioni internazionali, addetti militari e operatori umanitari, che esercitano le proprie funzioni

- Alcune categorie di persone in transito;

- Persone che necessitano di protezione internazionale o che vengono in Montenegro per altri motivi umanitari (vige il principio del divieto di espulsione)

 

Se soggiornano in un hotel o in altra struttura, i passeggeri sono obbligati ad applicare le raccomandazioni dell'Istituto di sanità pubblica del Montenegro.

L’obbligo di essere in possesso di un test non vige per i bambini fino all’età di 5 anni.

 

Valichi di frontiera

Tutti i valichi di frontiera per entrare in Montenegro sono aperti.

 

CIRCOLAZIONE/ASSEMBRAMENTI/FESTIVITA’ RELIGIOSE

- rimane in vigore il divieto di lasciare le proprie abitazioni dalle ore 22:00 alle ore 5.00 del mattino successivo;

Eccezioni: nel corso delle festività religiose, nella notte tra il 24 e il 25 dicembre 2020 nonché nelle notti tra il 5 e il 6 di
gennaio e tra il 6 e 7 gennaio 2021, è permessa l'uscita dalle abitazioni per prendere parte ai tradizionali riti religiosi, rispettando le disposizioni stabilite per i luoghi di culto e per i riti religiosi all’aperto.

Nello specifico, vi è la possibilità di svolgere riti religiosi alla presenza dei fedeli, a condizione che si garantisca uno spazio di almeno 10 m2 a persona – all’interno, e di almeno 4 m2 a persona - all’esterno (con l’obbligo di indossare la mascherina e mantenere una distanza fisica di 2m).

Le cerimonie funebri potranno essere svolte ma soltanto alla presenza dei più stretti familiari.

Si segnala che rimane in vigore il divieto di spostamenti interurbani dalle 22:00 del venerdì alle 5:00 del lunedì
mattina successivo. Tale divieto vale anche nei giorni 24, 25, 30 e 31 dicembre 2020 e 1, 2, 6 e 7 gennaio 2021.

 

RISTORANTI/BAR/ALBERGHI/ATTIVITÀ SPORTIVE, RICREATIVE E DI DIVERTIMENTO

- bar/ristoranti e altre attività di ristorazione - tranne gli alberghi - potranno restare aperti dalle 7:00 alle 20:00.

Tuttavia, nei giorni 24, 25, 30 e 31 dicembre 2020 e 1, 2, 6, 7 e 8 gennaio 2021 tali attività dovranno restare chiuse, fatta eccezione per i servizi di catering/delivery.

- nelle date sopraindicate, i ristoranti degli alberghi potranno comunque essere aperti ma soltanto dalle 07.00 alle 16.00 ed esclusivamente per servire gli ospiti degli alberghi, conformemente alle misure riguardanti i servizi di ristorazione.

- divieto alle società, ad altre persone giuridiche ed agli imprenditori di organizzare la veglia di Capodanno, sia al chiuso sia all’aperto.

- divieto di affittare case per le vacanze e/o appartamenti a più di due persone, tranne che per i membri dello stesso nucleo familiare.

- nelle date di cui sopra, sono vietate le attività delle piscine e dei centri spa;

- nelle date di cui sopra è vietato organizzare programmi di intrattenimento e musicali; al di fuori di queste date, è possibile organizzare tali programmi nella fascia oraria dalle 07.00 alle 20.00, nel rispetto delle misure prescritte dall’Istituto per la sanità
pubblica.

- le attività culturali che prevedono la presenza di più persone (teatri, cinema, musei, gallerie) potranno essere aperte fino alle
ore 20.00, nel rispetto delle raccomandazioni riguardanti queste attività.

- i centri sciistici potranno essere operativi alle condizioni prescritte dalle competenti autorità.

- i centri fitness e le palestre potranno essere aperte dalle 05.00 alle 18.00, sotto le condizioni prescritte dalle competenti autorità.


415