Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

NUOVE MISURE IN MONTENEGRO – AGGIORNAMENTO EMERGENZA COVID

EMERGENZA COVID – AGGIORNAMENTO

NUOVE MISURE PER LA PREVENZIONE ED IL CONTRASTO ALLA DIFFUSIONE DELLA PANDEMIA

Si informano i connazionali che queste autorità hanno adottato nuovi provvedimenti per la prevenzione e il contrasto alla diffusione della pandemia, che saranno in vigore dal 5 al 18 giugno.

Nello specifico:

Sono consentiti gli ingressi dei cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea e di Israele senza alcuna condizione (decade l’obbligo di presentare test PCR/antigenico o l’attestazione di avvenuta vaccinazione), come già avviene nel caso dei cittadini di Serbia, Croazia, Bosnia Erzegovina, Albania, Kosovo, Macedonia del Nord, Russia, Ucraina e Bielorussia.

Inoltre, in tutto il Paese:

– Sono consentite gite ed escursioni scolastiche, fino ad un massimo di 50 partecipanti;

– All’interno delle strutture di ristorazione è ancora vietato fare musica dal vivo, ma è consentita la riproduzione di musica mediante dispositivi stereo;

– È consentito fare musica dal vivo nei giardini e nelle terrazze attigue alle strutture di ristorazione dalle ore 20.00 alle ore 23.00;

– Nei giardini e nelle terrazze delle strutture di ristorazione sono ammessi matrimoni, celebrazioni di serate da ballo e altre celebrazioni private, in presenza di un massimo di 50 persone e nel rispetto dei protocolli stabiliti da queste Autorità.

SI RICORDA CHE IN TUTTO IL PAESE VIGE L’OBBLIGO DI INDOSSARE LA MASCHERINA NEI LUOGHI CHIUSI.

L’OBBLIGO DI INDOSSARE LE MASCHERINE ALL’APERTO E’ STATO ABOLITO, MA PERMANE IN SITUAZIONI QUALI, AD ESEMPIO, IN FILA DINANZI A BANCHE, UFFICI POSTALI, NEGOZI ECC.

Si torna a raccomandare a tutti i connazionali di attenersi scrupolosamente alle misure disposte dalle autorità montenegrine e di continuare a seguire in ogni caso le misure precauzionali già in precedenza segnalate da questa Ambasciata (tra le quali: igiene frequente delle mani, distanziamento sociale, ecc.).